Italiano Inglese

La pet economy cresce

Un articolo su un noto settimanale mi ha aperto un mondo che non conoscevo bene…la “pet economy”!

Il mercato che ruota intorno agli animali domestici vale, solo in Italia, oltre 3,5 miliardi di euro. E sembra che ogni proprietario ne spenda circa 100 euro l’anno per il proprio cucciolo.

Un’amica veterinaria mi ha confermato queste cifre e sembra che il trend sia ancora maggiore…

Siamo pronti infatti a risparmiare su tutto ma per il nostro pet non badiamo a spese. Sarà la crisi dei legami affettivi, dei matrimoni, delle professioni? In un mondo di poche certezze, la gioia che ci regala un animale domestico apre il cuore e le tasche! Il mercato mondiale degli animali domestici ha raggiunto 160 miliardi di euro. Un mondo di beni e servizi mutuati dal mondo umano. Le assicurazioni si adeguano a questo mercato in crescita, nascono scuole e percorsi educativi come per i bambini, alberghi e spiagge dedicate, centri estetici per cani e gatti.

Analizzando i profili socio – demografici dei proprietari si nota che la maggior parte sono single di ogni età, coppie senza figli o con figli già grandi. Ho trovato interessante leggere che il cane o il gatto viene usato come “terminale relazionale” ossia come occasione per uscire tre volte al giorno ed avere relazioni sociali con altri proprietari e scambiare quattro chiacchere al parco.

La percezione dell’animale è vissuta quindi come estensione del proprio sé o di un membro della famiglia. Da non trascurare che la vita media di un animale domestico è raddoppiata rispetto a prima grazie ad una migliore alimentazione, cure e terapie maggiori.

Fra le varie specie di pet, la fanno da padroni i gatti con 70 milioni di esemplari, i cani sono più di 62 milioni.

Ai francesi piacciono i felini, mentre gli inglesi sono più fedeli ai cani. All’Italia spetta il primato degli uccelli ornamentali con 12,9 milioni mentre la Germania ha la più larga fetta di roditori insieme a pesci ed anfibi.

Negli Stati Uniti, secondo l’American Pet Products Association, la spesa annua degli americani in questo settore toccherà i 62,5 milioni di dollari. Dietro a Stati Uniti ed Europa, l’America Latina è oggi il terzo mercato mondiale.

Prontovet24 è una start up nata a Taranto che consente ai proprietari di animali da compagnia di prenotare la visita di un medico veterinario a domicilio in ogni momento della giornata, h24.

Insomma il valore sociale degli animali domestici è inconfutabile e la passione per gli animali e per tutto ciò che li riguarda rappresenta una fonte di ispirazione imprenditoriale sempre più interessante…

Gianluca Cimini

Gianluca Cimini - La pet economy cresce