Italiano Inglese

Design, sostenibilità ed energia elettrica si uniscono nelle case di Elon Musk - di Gianluca CImini

Fondatore di Paypal, Tesla Motors e SpaceX, indubbiamente Elon Musk è un uomo dai mille piani che potrebbero cambiare la vita di molti di noi, dalle auto elettriche per il grande pubblico, ad aziende per noleggiare l’energia solare, oppure alla realizzazione di un veicolo spaziale riutilizzabile. Ho ascoltato con piacere l’imprenditore sudafricano, naturalizzato statunitense, Musk discutere, durante un TED, con il curatore della piattaforma di conferenze statunitensi Chris Andersen e ritengo molti dei suoi progetti visionari, ma sicuramente anche estremamente accattivanti. Per chi non conoscesse cos’è un TED (non parlo dell’orso pupazzo ovviamente) mi riferisco a conferenze su tecnologia, design, mondo scientifico, culturale ed accademico, diffuse gratuitamente in live streaming attraverso internet e tenute dai maggiori esperti dei settori interessati (la cui missione è riassunta nella formula "ideas worth spreading" ossia “idee che val la pena diffondere”).

L’ultima genialità di Mister Musk è stata presentata qualche mese fa: un tetto solare costituito da piastrelle di vetro e progettato per introdurre i pannelli solari nella case in una maniera più accattivante ed attraente, perché è pur vero, a mio avviso, che la tecnologia migliore è quella che ha una grande diffusione ed un grande impatto sulla vita delle persone. Obiettivo dell’azienda “SolarCity” , azienda specializzata in prodotti e servizi legati al fotovoltaico di cui Musk è l’investitore principale e presidente del consiglio di amministrazione, è la lotta al riscaldamento globale attraverso l’utilizzo di tecnologie green. La grande maggioranza dei pannelli fotovoltaici che abbiamo conosciuto fino ad oggi, funzionano attraverso l’attività di più celle fotovoltaiche che sono gli elementi primari per innescare l’effetto fotovoltaico ossia la reazione fisica in grado di produrre energia attraverso il sole. Il funzionamento delle celle solari è legato, infatti, alla complessa interazione fra luce e materia, e coinvolge la natura e le caratteristiche della luce, la fisica dei materiali e la realizzazione di dispositivi elettronici. Senza addentrarmi troppo in dettagli tecnici, una cella fotovoltaica (costituita da silicio, ossia uno dei materiali semiconduttori più presenti in natura e costituita da due strati: uno drogato negativamente ed un altro drogato positivamente) quando si trova colpito dalla luce solare genera per mezzo delle differenze di cariche una reazione fisica in grado di creare un campo elettrico in corrente continua. Grazie a questa reazione fisica ogni pannello è in grado di generare, partendo dai differenziali di carica tra due strati di silicio puro, corrente elettrica continua (trasformata in corrente alternata successivamente tramite un inverter). Se è pur vero che la tecnologia del fotovoltaico sta migliorando negli anni, rimane, comunque, il problema dell’installazione di grossi pannelli sui tetti delle case (discorso diverso va fatto quando questi pannelli vengono utilizzati in aziende o parcheggi auto dal momento che sono più facilmente assimilabili al contesto), problema che può essere ovviato grazie all’utilizzo di speciali piastrelle costituite di vetro che si sostituiscono totalmente ai vecchi pannelli. Personalizzabili secondo le richieste del cliente, che può scegliere il design dei singoli elementi per adattarli meglio allo stile specifico della casa, le speciali piastrelle tendono a scomparire sul tetto a tal punto da mimetizzarsi completamente con la casa. L’energia immagazzinata dalle piastrelle andrebbe poi a convogliarsi in speciali batterie (Powerwall 2 dal costo di circa 5.500 $) in grado di erogare tale energia per tutti gli usi di casa o anche, nel caso di energia in eccesso, per essere venduta. Il prodotto si rivolge ai costruttori di case e coloro che cercano di sostituire i loro tetti con piastrelle più resistenti, con una migliore qualità di isolamento e ad un costo più basso, così affermano almeno, rispetto a quanto verrebbe un tetto convenzionale a cui dovesse essere in seguito aggiunto un sistema fotovoltaico tradizionale. Il lato estetico di certe tecnologie a volte viene completamente ignorato, ma è pur vero che un prodotto che sia esteticamente attraente, oltre che funzionale, ha una marcia in più sul mercato. L’estetica delle “tessere” che compongono il tetto è stata progettata per integrarsi perfettamente con le celle solari incorporate, in maniera impercettibile, in ogni singola piastrella di vetro. Ha affermato l’AD di SolarCity: ”Questa è una sorta di futuro integrato. Una macchina elettrica, un Powerwall e un tetto solare. La chiave è che deve essere bella, conveniente e perfettamente integrata".

Tutto, infatti, rientra in un progetto più grande di trasformazione della vita dei consumatori volta all’utilizzo di queste tecnologie green (dove si combinano auto elettriche e batterie, di cui Musk è precursore da quando ha fondato l’innovativa compagnia automobilistica Tesla), senza più dover ricorrere ai combustibili fossili o ad un’idea di rifornimento energetico impostato dall’alto, dal momento che ogni singola famiglia può diventare un nodo dello scambio energetico del futuro, dove ogni nucleo familiare produce per sé e vende o condivide l’energia in eccesso prodotta in maniera ecologica e sostenibile a casa. Le batterie di ultima generazione permettono, inoltre, di sfruttare l’energia solare come fonte energetica 24 ore su 24, 7 giorni su 7, mettendola automaticamente a disposizione quando il sole non c’è. La combinazione tra pannelli solari e batterie può, quindi, moltiplicare i vantaggi economici dell’energia solare e ridurre l’impatto ambientale. Forse a volte ce lo dimentichiamo ma il nostro amato sole irradia ogni anno sulla Terra una quantità di energia pari a circa 10.000 volte il consumo mondiale di energia primaria. Oltre al grande potenziale energetico, la fonte solare è rinnovabile per definizione e ha un impatto ambientale molto ridotto. Tuttavia, nonostante la sua efficacia, l’energia solare rimane una fonte di energia alternativa, relativamente sottoutilizzata. Mi auguro quindi che, tecnologie come queste, o come le prossime che arriveranno, possano aiutare questo importante settore ad avere un incremento significativo nel mercato energetico. Il mondo si può cambiare fin dalle nostre mura di casa, dopotutto.

Gianluca Cimini

Gianluca CImini - Design, sostenibilita' ed energia elettrica si uniscono nelle case di Elon Musk